You are visiting a website that is not intended for your region

The page or information you have requested is intended for an audience outside the United States. By continuing to browse you confirm that you are a non-US resident requesting access to this page or information. Switch to the US site. 

Tromboembolia venosa (TEV)

Comprendere la tromboembolia venosa (TEV)

Una difficoltà comune dovuta all'immobilità prolungata

Chiunque può sviluppare la tromboembolia venosa (TEV) indipendentemente dall'età, dal sesso e dall'etnia. Spesso, è dovuta a un periodo prolungato di immobilità e può manifestarsi con scarso preavviso, con esiti potenzialmente letali.

Tromboembolia venosa (TEV)

Una sfida globale per le strutture di assistenza.

La TEV costituisce una sfida clinica grave e diffusa:

  • A livello mondiale vengono segnalati 10 milioni di casi di TEV ogni anno1; tuttavia, il decesso per TEV è una condizione medica per la maggior parte non documentata, ma prevenibile.
  • La tromboembolia venosa causa più decessi in Europa rispetto al cancro al seno, ai tumori alla prostata, all'HIV, all'AIDS e agli incidenti stradali messi insieme2.
  • Circa il 30% dei pazienti muore entro 30 giorni dall'insorgenza della malattia, mentre al 25% dei degenti ricoverati in ospedale, che muore improvvisamente,viene diagnosticata la EP in sede di autopsia3.
  • Circa 1/3 dei pazienti affetti da trombosi venosa profonda (TVP) sviluppa la sindrome post-trombotica con gonfiore e dolore3 e in molti casi (25%)4 l'ulcerazione cronica che ne consegue è associata a ingenti costi di trattamento continuativo5.
  • Negli Stati Uniti ogni anno si spendono fino a 19,1 miliardi di dollari per il trattamento di complicanze a lungo termine conseguenti alla TEV6.
products1.jpg

Prevenzione della TEV

Garantire una prevenzione della TEV sicura ed efficace per i pazienti. Offriamo una gamma completa di pompe e tutori per prevenire la TEV affinché possiate garantire una prevenzione sicura e affidabile ai pazienti più vulnerabili.

Scopri di più sui nostri prodotti

Bibliografia:

1. Jha AK, Larizgoitia I, Audera-Lopez C, Prasopa-Plaisier N, Waters H, Bates DW. The global burden of unsafe medical care: analytic modeling of observational studies. BMJ Qual Saf 2013; 22; 809-15. Tratto da: http://qualitysafety.bmj.com/content/22/10/809.

2. Cohen AT, Agnelli A, Anderson FA et al. Venous thromboembolism (VTE) in Europe: The number of VTE events and associated morbidity and mortality. Thromb Haemost. 2007; 98: 756-764.

3. Beckman MG, Hooper WC, Critchley SE et al. Venous thromboembolism: a public health concern. Am J Prev Med. 2010; 38(4): S495-501. 

4. Nelzen O, Bergqvist D, Lindhagen A. Leg ulcer etiology - a cross sectional population study. J Vasc Surg. 1991; 14: 557-64 citato in Nicolaides A, Fareed J, Kakkar A et al. Prevention and treatment of venous thromboembolism - International Consensus Statement. International Angiology. 2013; 32(2): 111-260.

5. Ruppert A, Steinle T, Lees M. Economic burden of venous thromboembolism: a systematic review. J Med Econ. 2011; 14(1): 65-74.

6. Mahan CE, Borrego ME, Woershing AL et al. Venous thromboembolism: Annualised United States model for total, hospital acquired and preventable costs utilising long-term attack rates. Thromb Haemost. 2012; 108(2): 291-302.