You are visiting a website that is not intended for your region

The page or information you have requested is intended for an audience outside the United States. By continuing to browse you confirm that you are a non-US resident requesting access to this page or information. Switch to the US site. 

”Piango ogni volta”

"Spesso medici e familiari si meravigliano di come i pazienti, per andare avanti, hanno estremo bisogno di una cosa così semplice come vedere il sole.". 


Martina Kroon ha iniziato la sua carriera come infermiera, e, specializzandosi in anestesiologia, ha lavorato per molti anni in ambienti di terapia intensiva. Oggi lavora spesso all'interno di strutture sanitarie. In qualità di specialista di prodotti, si impegna a dare alle infermiere come lei la possibilità di prevenire il tromboembolismo venoso, TEV.

"Dopo tutti questi anni di lavoro in terapia intensiva è bello poter aiutare a prevenire i problemi più comuni e prevedibili. In Arjo posso farlo quasi tutti i giorni". 

"Avevo il tempo, la formazione e l'esperienza come infermiera, così mi sono offerta volontaria. Inoltre, avevo il pieno supporto di Arjo" 

 

Con la recente pandemia, Martina ha deciso di prendere un congedo dal lavoro con Arjo  in modo da poter lavorare come volontaria nel reparto di terapia intensiva Covid-19 dell'ospedale di Jönköping. Non solo ha potuto partecipare in prima persona alla lotta contro il Covid-19, ma ha anche avuto la soddisfazione di ottenere risultati positivi. 

 

"I pazienti arrivati nel reparto di terapia intensiva fortunatamente sono sopravvissuti, ma potevano rimanere sedati per settimane. È stato estremamente difficile per le famiglie, perché non potevano nemmeno vederli. Poi, quando iniziavano a svegliarsi e a respirare da soli, potevamo aiutarli a fare una videochiamata o a telefonare ai loro cari. In quel momento capisci che ne è valsa la pena. "Piango ogni volta". 

Arjo non deve mai fermarsi. Dobbiamo esserci quando i pazienti hanno bisogno di noi" 

 

Queste esperienze danno un senso alla vita di Martina. Anche in tempi meno estremi, in cui il mondo non si trova ad affrontare una pandemia, si sente in grado di offrire ai pazienti una migliore qualità di vita.