You are visiting a website that is not intended for your region

The page or information you have requested is intended for an audience outside the United States. By continuing to browse you confirm that you are a non-US resident requesting access to this page or information. Switch to the US site. 

Soluzione per la mobilità precoce

La mobilizzazione dei pazienti in condizioni critiche nel complicato e spesso affollato ambiente di terapia intensiva può rivelarsi una sfida importante per il team ICU. L'accesso alle attrezzature adeguate, processi e know-how sono spesso necessarii per sostenere l'introduzione di programmi di riabilitazione e di mobilità precoce nell'Unità di Terapia Intensiva (ICU). Il nostro obiettivo è garantire che ogni paziente possa essere mobilizzato a un livello di funzionalità sicuro e ottimale quotidianamente.

Mobilizzazione a letto:
nei casi in cui la mobilizzazione fuori dal letto sia controindicata o le possibilità siano limitate, esistono metodi per sostenere la riabilitazione e il recupero di pazienti costretti a letto.

Trasferimento del paziente fuori dal letto:
quando si rendono necessari trasferimenti laterali e da posizione seduta fuori dal letto, sono disponibili diverse attrezzature per la movimentazione dei pazienti per aiutare l'assistente. 

Mobilizzazione fuori dal letto:
a seconda che il paziente sia ventilato o meno, il processo di seduta sul bordo del letto costituisce una parte importante della valutazione precoce del paziente e della successiva predisposizione di un programma di riabilitazione strutturato e di un piano di seduta.

Quando sedersi sul bordo del letto è troppo difficoltoso:
a volte il processo di seduta sul bordo del letto può risultare estremamente impegnativo, in particolare per i pazienti obesi, con bassa reattività o profonda debolezza acquisita in terapia intensiva (ICU-AW), richiedendo l'ausilio di quattro o cinque membri dello staff per trasferire il paziente sul bordo del letto. In alternativa, fattori quali vie aeree mal tollerate, attacchi multipli, tra cui linee femorali posizionali, supporto inotropo a bassa dose, ipotensione posturale possono destare preoccupazioni per la sicurezza durante il processo di spostamento di un paziente sul bordo del letto.

Ortostatismo passivo:
per i pazienti con Glasgow Coma Scale (GCS) ridotto, ipotensione posturale o pronti per iniziare una riabilitazione più attiva, è possibile utilizzare Sara Combilizer in posizione eretta. Questo fornisce un metodo eccellente per aumentare la reattività, facilitando al contempo lo scarico del peso attraverso gli arti inferiori, aiutando a prevenire le contratture articolari e potenziando la forza degli arti inferiori. Le cinghie di sostegno delle ginocchia e del tronco rendono questa posizione molto stabile, con l'aggiunta del cuscino e delle cinghie per la testa consigliate per i pazienti con un basso GCS per mantenere una postura più sostenuta.

Ortostatismo attivo:
.una volta che il paziente è in grado di tenersi in equilibrio con un supporto minimo e di muovere le gambe contro la forza di gravità, è pronto per provare a stare in piedi.

Deambulazione:
Una volta che il piano stabilito preveda una seduta quotidiana, preferibilmente ripetuta più volte, si può progredire verso esercizi più attivi, come la posizione eretta e la deambulazione.